Accesso ai servizi

Comunicazione Comuni Riuniti

Gentili Alicesi,
la situazione della gestione della rete idrica, di quella fognaria e del depuratore sta attraversando, dal punto di vista amministrativo, una fase molto complicata.
Ce ne siamo resi tutti conto, del resto non abbiamo ricevuto la bolletta riferita al periodo dal 16 Settembre 2021 a fine anno.
Vi chiedo perciò 5 minuti di lettura ed attenzione:
partiamo dal dato certo, il prossimo 24 Marzo la società Comuni Riuniti, gestore del ciclo idrico integrato del nostro paese dal 2003 al 15 Settembre 2021, inizierà l'iter di liquidazione, lo ha decretato una recente assemblea dei 16 sindaci.
Perchè si è arrivati a questa decisione?
Tutto inizia nel Dicembre del 2019 quando l'ATO 2, autorità d'ambito che sovraintende al rispetto di norme e servizi, revoca la concessione alla Comuni Riuniti; da quel momento comincia una battaglia legale che si conclude dopo oltre 2 anni portando all'inevitabile scioglimento della Società che avverrà fra una ventina di giorni, vista la decisione da parte di TAR e Consiglio di Stato di confermare il provvedimento di ATO 2.
Entrare qui nel merito è pressochè impossibile ma una volta che si saranno delineate le linee di condotta del nuovo percorso gestionale, sono disponibile a confrontarmi pubblicamente con chi avrà piacere di farlo, così da trasferire tutte le informazioni che in questi anni ho raccolto.
I 16 centri del Vercellese e del Biellese quindi non seguiranno più lo stesso percorso; ognuno ha considerato la strada migliore per la propria comunità nell'individuazione di un nuovo gestore, e a partire dalla primavera 2021 sono cominciati i primi trasferimenti dei servizi, nel nostro caso il passaggio è avvenuto a metà Settembre 2021.
La scelta per Alice Castello è caduta su ASM Vercelli, è stata proposta da ATO 2 ed è stato un indirizzo abbastanza fisiologico visto che questa società vercellese del gruppo IREN già segue Tronzano, Bianzè e Cigliano, solo rimanendo ai paesi limitrofi.
E' evidente che i 16 Comuni hanno avuto fra loro degli attriti, Alice Castello non si è pressochè mai trovato d'accordo con il Consiglio di Amministrazione negli ultimi 2 anni.
Non sono qui a sostenere le nostre tesi ma certamente questa situazione ha portato come conseguenza che il rapporto fra vecchio e nuovo gestore si è ridotto ai minimi termini; la mancata collaborazione ad esempio ha fatto sì che Comuni Riuniti non abbia trasferito ad oggi i riferimenti delle utenze ad ASM Vercelli, da qui la mancata bollettazione.
Ora però si comincia a vedere un possibile sbocco, ASM Vercelli ricorrendo ad una sorta di censimento si attiverà per essere nelle condizioni di calcolare i consumi; anche in questo caso assicuro occasioni pubbliche di confronto con la presenza del nuovo gestore, fin da subito però ho chiesto di fare delle ipotesi su come suddividere il pagamento di consumi inusuali visto che prima si saldava ogni quadrimestre.
Permettetemi a questo punto due considerazioni finali:
la prima riguarda le tariffe, la loro entità è stabilita da ARERA, autorità pubblica che lega ogni fascia di consumo ad un costo, tutti i gestori devono rispettare queste indicazioni per cui grandi variazioni fra una società e l'altra non possono esserci.
Detto questo, Comuni Riuniti non ci sarà più e la scelta di individuare una nuova Società era inevitabile; da qui in poi le considerazioni su tariffe triple o cose del genere sono chiacchiere da bar, a cui va dato il giusto peso.
La seconda invece ha un carattere decisamente personale ed è legata al Vicesindaco Sarasso a cui sono unito da un rapporto di amicizia e lealtà che va oltre al fatto amministrativo.
Andrea, come molti sanno, lavora per ASM Vercelli dove è responsabile tecnico del settore acquedotto ed appena si è delineata l'ipotesi che la sua Società andasse a seguire Alice Castello ha espresso riserve.
Ho insistito io perchè il percorso andasse avanti, innanzitutto dato che non stiamo parlando di un socio di ASM o anche solo di un dipendente che ha qualche ritorno per seguire un acquedotto in più, dopo di che perchè è un tecnico capace che mai calerà l'attenzione su quella che sarà per sempre la sua Comunità anche quando non rivestirà più un incarico amministrativo.
Quindi se qualcuno ritiene che ci possa essere un conflitto di interesse ve lo dico già io che c'è, ma chi ne gode non è il Vicesindaco, bensì il nostro paese; chi sostiene il contrario è in malafede e se non se ne vuol fare una ragione scivola verso la calunnia.
Chiudendo, ribadisco la volontà di fornire alla popolazione, una volta liquidata la Comuni Riuniti, tutte le informazioni riguardanti la vicenda in possesso dell'Amministrazione ed il nuovo cammino con ASM Vercelli.
Grazie per l'attenzione
Il Sindaco